Results 1 to 5 of 5

Thread: Alitalia sceglie Air France e decolla da Milano-Malpensa

  1. #1
    Costa Rican Moderator

    Status
    Offline
    Join Date
    Dec 2006
    Location
    en sus mentes
    Posts
    8,666
    Liked
    3 times
    Rep Power
    0

    Arrow Alitalia sceglie Air France e decolla da Milano-Malpensa

    Et voil*, Alitalia parla francese. Il cda della compagnia di bandiera ha scelto Air France rispetto all’italiana Air One. Ma il passaggio nell’orbita della societ* aerea d’Oltralpe - deciso all’unanimit* dal cda dopo otto e passa ore perché «il piano presentato risolve le criticit* di tipo strategico, industriale e finanziario di Alitalia» - appare come una scelta rinunciataria per l’hub di Malpensa e non solo. All’offerta più accettabile - rispetto allo scalo intercontinentale milanese - si è preferita quella dei francesi, che hanno una «visione miope».

    Prodi cede Alitalia ad Air France. Svenduta Malpensa

    di Paolo Stefanato - sabato 22 dicembre 2007, 11:13 Stampa da Milano

    Alla fine, il giorno di Air France è venuto. Non senza apprensioni, visto che il cda di Alitalia incaricato di individuare il partner è durato otto ore. Ma la decisione che ha promosso il vettore francese, e bocciato quello italiano, Air One, è venuta all’unanimit*. Fatto, questo, richiamato nella prima riga del lungo comunicato, che vuol sottolineare la forza con la quale il vertice dell’Alitalia passa la mano al governo; il cda ha dato anche formalmente mandato al presidente, Maurizio Prato, per definire i termini della trattativa in esclusiva con Air France. Naturalmente, dopo quell’imprimatur politico che dovrebbe essere impresso dal governo alla vicenda entro il 15 gennaio.

    L’impegno alla data è ufficiale, di Palazzo Chigi. Ma negli ambienti romani sul termine si nutre qualche perplessit*. Ci si aspetta infatti un’offensiva di Carlo Toto, grande navigatore di Palazzo, che se ha perso questa battaglia non è certo disposto a darsi per vinto. Nelle prossime settimane si spender* in prima persona anche il presidente di Air France-Klm, Jean Cyril Spinetta, che avr* incontri d’alto livello sia a Roma che a Milano. Per spiegare, per tranquillizzare. Intanto ieri sera Spinetta si è detto «onorato» della scelta fatta dal cda di Alitalia.

    Senza fare alcun confronto tra le proposte pervenute (oltre a quella di Air One, c’era teoricamente in gara anche quella della cordata Baldassarre), il cda della Magliana giudica quella di Air France-Klm «la soluzione appropriata» per la salvaguardia del patrimonio dell’azienda e per promuovere il suo «rapido e duraturo risanamento» grazie al beneficio delle sinergie derivanti dall’integrazione in un contesto internazionale. A fronte del rinnovo della flotta, in particolare di tutti i vecchi Md80 e dei B767, e di investimenti complessivi per 6,5 miliardi, sull’altro piatto della bilancia Air France «richiede il pieno supporto da parte del governo italiano».

    Il piano industriale presentato da Air France-Klm è stato ritenuto dal cda di Alitalia «di elevata credibilit* e idoneo a risolvere le criticit* di tipo strategico, industriale e finanziario di Alitalia». Inoltre le sinergie generate a favore di Alitalia sono definite «significative» e si creano i presupposti per il rilancio «sostenibile nel lungo periodo della compagnia».


    Con il supporto di Air France-KLM, la compagnia «rafforzerebbe la propria posizione di compagnia di bandiera italiana con un network redditizio e importanti prospettive di crescita». I francesi si impegnano a mantenere marchio e identit* di Alitalia e di assicurare al Paese un’adeguata rete di collegamenti. Il piano, sottolinea il cda, «modera l’effetto di drenaggio» del traffico nel Nord Italia e in particolare a Milano, verso i grandi hub europei e «valorizza Roma come hub» migliorando l’offerta ai passeggeri, «attribuisce a Fiumicino un ruolo chiaro ed insostituibile» nel disegno di network del nuovo gruppo per le regioni del Centro Sud ed Est Europa, fino all’Africa del Nord. Nel piano di Air France viene rilevata la strategia multihub (Parigi, Amsterdam, Roma), al servizio di bacini diversi. «È stato chiarito che non è intenzione di Air France utilizzare Alitalia per alimentare gli hub di Parigi e di Amsterdam, bensì quella di rafforzare Alitalia come importante vettore europeo». Valide sinergie vengono individuate nella sovrapposizione delle reti, che potr* moltiplicare l’offerta. Per Linate viene «confermato e rafforzato il ruolo di aeroporto cittadino», mentre Malpensa «mantiene i tre principali collegamenti intercontinentali per il nord America, il sud America e l’Asia previsti».

  2.   
     
  3. #2
    Costa Rican Moderator

    Status
    Offline
    Join Date
    Dec 2006
    Location
    en sus mentes
    Posts
    8,666
    Liked
    3 times
    Rep Power
    0

    Arrow

    ALITALIA: BONI, SU MALPENSA SERVONO STATI GENERALI LOMBARDIA

    (AGI) - Milano, 29 dic. - L'assessore regionale al Territorio e urbanistica, Davide Boni, invoca gli Stati generali della Lombardia per difendere l'aeroporto di Malpensa. L'idea lanciata dall'assessore leghista parte dalla convinzione che "la Lombardia non puo' piu' stare a guardare" e per questo ha fatto sapere di considerare necessario un consiglio regionale aperto, con all'ordine del giorno il caso Malpensa-Alitalia".

    "Una seduta speciale, - e' la proposta di Boni - dove convocare come parti in causa di questa vicenda anche il Comune e la Provincia di Milano, la societa' Sea e le stesse sigle sindacali che rappresentano quelle migliaia di lavoratori che resteranno senza posto di lavoro nel caso in cui venga ridimensionato lo scalo lombardo". Questi "Stati generali della Lombardia" dovrebbero servire per "discutere e mettere nero su bianco un calendario di iniziative istituzionali ma anche una serie di scioperi e di proteste per fare capire chiaramente che il fronte comune a difesa di Malpensa e' compatto e deciso ad andare avanti con forza e senza alcuna paura".

    E una "convocazione congiunta del consiglio regionale lombardo, del consiglio comunale e provinciale milanesi sulla questione Malpensa" e' pronta a chiederla anche il vicesindaco di Milano, Riccardo De Corato, secondo il quale "c'e' una posizione unanime e trasversale che vede convergere le forze politiche lombarde nell'univoca direzione di difendere Malpensa e il suo rilancio come hub", che deve essere resa "ufficiale".

    L'idea di De Corato e', dunque, quella di "un'iniziativa che chiami a raccolta anche le assemblee elettive del nord Italia, contro l'irresponsabile decisione del Governo di privilegiare Air France-Klm con grave danno per lo scalo milanese". (AGI)

  4. #3
    Costa Rican Moderator

    Status
    Offline
    Join Date
    Dec 2006
    Location
    en sus mentes
    Posts
    8,666
    Liked
    3 times
    Rep Power
    0

    Arrow

    Giancarlo Schisano, dg della compagnia, presenta il piano dei voli per l'estate 2008

    Dal 31 marzo l'hub lombardo perde 180 voli tra cui i collegamenti con Cina e India

    Alitalia, dimezzati i voli su Malpensa

    Attesa per decisione Tar su vendita

    Fiumicino è il nuovo centro della compagnia. Aumentano le rotte per Linate

    Il 20 febbraio il tribunale amministrativo decider* su ricorso AirOne




    Aerei Alitalia e Air One

    ROMA - Ufficialmente si chiama orario estivo "summer 2008". Nei fatti è la fotografia del destino dell'aeroporto di Malpensa nel prossimo futuro, specie quando saranno definite le modalit* di vendita ad Air France (il 20 febbraio il Tar si pronuncer* sul ricorso di Air One sia nel merito che per la sospensiva).

    A partire dal 31 marzo, Alitalia taglier* sull'hub lombardo 180 voli, mentre ne rimarranno altri 170. E dalle 86 destinazioni dello scorso anno si passer* a 51. Stabili, invece, le destinazioni (18) dell'altro aeroporto milanese (Linate). Per Malpensa significa un netto taglio nell'internazionale che da 17 destinazioni passa a 14.

    Un solo hub. "Il nuovo modello di network della compagnia si basa - ha spiegato in una conferenza stampa il dg della compagnia Giancarlo Schisano - sull'assunzione di un unico hub di riferimento che sar* Fiumicino che passer* dalle 62 destinazioni totali dell'estate dello scorso anno a 77 della prossima stagione estiva. Alitalia non può più permettersi di mantenere un sistema a due hub".

    Quel sistema è entrato in crisi per due motivi: lo sviluppo dei collegamenti "punto-punto" (aeroporti piccoli nei pressi di molte più destinazioni) e la crescita delle tariffe low cost. Il combinato disposto di questi due fattori fa sì che sia possibile, anzi facile, trovare un volo diretto senza essere più costretti a passare in un grande hub di collegamento. "Oltre a ciò - ha aggiunto Schisano - Malpensa è fortemente condizionato dalla presenza di Linate che intercetta tutto il traffico per Milano e dalla presenza, tra Torino e Venezia, di un aeroporto ogni 50 chilometri". Un'analisi chiarissima e che risponde a chi, soprattutto in Lombardia, lamenta la penalizzazione dello scalo di Malpensa.

    Fiumicino, "più conveniente".Altra storia per Fiumicino che meglio si presta ad essere un grande hub, oltre ad avere un buon collegamento con Roma. In pratica, ha spiegato Schisano, il mercato su Milano continuer* ad essere servito al meglio grazie a Linate, mentre i voli tagliati su Malpensa riguardano le connessioni per l'estero, che nulla hanno a che fare con il bacino milanese e che rappresentano oggi una duplicazione troppo onerosa per Alitalia.

    "Su Malpensa - ha detto Schisano - non c'è una diminuzione di domanda, c'è una diminuzione di domanda inutile. Malpensa non è un problema di Alitalia, è un problema di mercato e il mercato, avendo un aeroporto ogni 50 chilometri, preferisce andare in quello più vicino piuttosto che essere convogliato su Malpensa". Per Alitalia mantenere Malpensa come hub è solo fonte di sprechi. "Fino a quando c'è stato qualcuno (lo Stato ndr) che si è fatto carico di queste perdite - ha precisato Schisano - si è potuto andare avanti, ora però non c'è più nessuno che può farsene carico".

    Il risveglio di Linate. In pratica, Malpensa rimarr* un aeroporto chiave della rete Alitalia, ma più rivolto alle esigenze del traffico da e per Milano, piuttosto che per le connessioni internazionali, mentre Linate sar* più dedicato alla clientela business. Malpensa diventer* il polo di riferimento del settore cargo. Un ruolo lo avr* anche la compagnia Volareweb che sar* la low cost del gruppo dedicata ai viaggi leisure.

    Il quadro complessivo dei collegamenti. Fiumicino avr* 77 destinazioni, di cui 40 internazionali, 14 intercontinentali e 23 domestiche; Malpensa avr* 38 destinazioni, di cui 3 intercontinentali, 26 internazionali e 9 domestiche; su Linate 18 destinazioni, di cui 11 domestiche e 7 internazionali.

    Tra le rotte intercontinentali verranno soppresse quelle per la Cina e l'India perchè troppo onerose: per i collegamenti con la Cina Alitalia perde 30-40 milioni l'anno; per l'India le perdite sono di circa 10-15 milioni. In compenso, però, dal primo giugno Alitalia riattiver* il collegamento Fiumicino-Los angeles.

    "Il grosso cambiamento nel network estivo - ha spiegato Schisano - riguarda il recupero di un ruolo storico dell'Alitalia: mettere in collegamento il mondo con l'Italia e l'Italia con il mondo, attraverso il punto più facilmente raggiungibile da tutto il paese, ovvero Fiumicino che è anche la destinazione preferita di chi viene nel nostro paese".

    Il network complessivo dell'Alitalia avr* invece un totale di 83 destinazioni (24 sul domestico, 45 sull'internazionale, 14 sull'intercontinentale) che, sommate alle 23 di Volareweb, porter* il totale complessivo del gruppo a 106 destinazioni contro le 100 dello scorso anno. Aumenteranno anche le frequenze, che passeranno da 2211 a 2294, mentre le rotte saranno 157 (134 di Alitalia più le 23 di Volareweb), contro le 173 dello scorso anno.

  5. #4
    Itali's Avatar
    Yo muy bien

    Status
    Offline
    Join Date
    Sep 2007
    Location
    Firenze, Toscana
    Posts
    3,179
    Liked
    3877 times
    Blog Entries
    4
    Rep Power
    13
    Italy

    Default

    Roma, 10 set - Ore contate per il futuro dell'Alitalia. Domani 11 settembre (data infausta che forse conveniva evitare) e' l'ultimo giorno utile per arrivare a un accordo tra la cordata degli imprenditori e i sindacati per porre le basi per il salvataggio. Se non arrivera' l'intesa, il commissario straordinario Augusto Fantozzi ''provvedera' a dare attuazione alla disdetta di tutti i contratti collettivi e degli accordi in essere, alla luce della situazione rilevata al suo insediamento'' e prossimamente aprira' le procedure di mobilita'. Atti necessari ''anche in relazione all'esigenza di consentire la continuita' operativa, secondo i principi della amministrazione straordinaria, nonche' il positivo sviluppo delle trattative in corso''.

    Le dichiarazioni di Fantozzi sono state giudicate come ''pressione impropria'' dai sindacati, alle prese con un confronto che non sembra presentare, al momento, sbocchi positivi. Il segretario generale della Uilt, Giuseppe Caronia, ha rilevato che ''stiamo con le spalle al muro ma la reazione di chi sta all'angolo puo' essere irrazionale e pericolosa''.

    Per il segretario generale della Filt-Cgil, Franco Nasso, dalla riunione sono emerse due cose: ''Da una parte una pressione impropria ma dall'altra la dichiarazione di ottimismo. Vediamo domani. Oggi abbiamo chiesto formalmente al commissario di conoscere esattamente il numero dei lavoratori in esubero''.

    Sulla stessa linea il segretario nazionale della Fit-Cisl, Claudio Genovesi, secondo il quale il sindacato ''deve fare di tutto perche' la trattativa dia una risposta positiva al maggior numero di lavoratori di tutti i settori. Ci applicheremo in questa direzione con senso di responsabilita', speriamo che lo stesso sia per governo e Cai''.

    Scommette su un esito positivo il ministro del welfare Maurizio Sacconi. ''Domani sara' una giornata lunga, ma sara' quella conclusiva. Chiuderemo nella nottata anche perche' non si puo' andare oltre nemmeno di un giorno. La societa' non sopravviverebbe''.

    Sull'Alitalia poi oggi nuovo scontro tra maggioranza e opposizione. Teatro della nuova puntata di una storia infinita, l'audizione del ministro dell'economia, Giulio Tremonti, che ha ribadito che la procedura avviata per l'Alitalia consente di fermare il formarsi di nuove perdite ed ha respinto le critiche definendo di ''inerzia'' i 22 mesi del governo Prodi sulla crisi Alitalia.

    L'ex ministro dei trasporti Pierluigi Bersani ha criticato il decreto per le modifiche alla Marzano ed ha sottolineato che ''non stiamo facendo una nuova Alitalia ma una nuova Air One'' cioe' una compagnia piccola.

    ALITALIA: ORE CONTATE, FANTOZZI PRONTO A DISDETTA CONTRATTI (IL PUNTO - Agenzia di stampa Asca)

  6. #5
    A L E X

    Status
    Offline
    Join Date
    Mar 2008
    Location
    Mexico City
    Posts
    5
    Liked
    0 times
    Rep Power
    0

    Default

    Lunga vita per AZ

LinkBacks (?)


Bookmarks

Posting Permissions

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
  •  
SkyScraperLife.Com 2006-2017

World Building Database

Download: Fast, Fun, Awesome - Web Stats